Get Adobe Flash player

CONTATTI

Segreteria
segreteriagenerale@pnie.es
Tel: 673301341 - 647952382
pniemadrid@gmail.com
pniecanarie@gmail.com
pnievalencia@gmail.com
pniemalaga@gmail.com
pniemarbella@gmail.com
pniegranada@gmail.com



Ufficio Stampa
Giovanna Branciforte:
pnie.prensa@gmail.com
Tel: 649975559



Comunicazioni Italia
comunicazionitalia@pnie.es

Assistenza Sanitaria

Per quanto concerne l’assistenza sanitaria ai cittadini italiani residenti all’estero, che rientrano temporaneamente in Italia, é necessario distinguere tra due diverse categorie:

 

a) i lavoratori italiani distaccati all’estero, assicurati ai sensi della Legge 398/87 e del DPR 618/80. Si tratta di lavoratori con contratto riconosciuto dall’ordinamento italiano;

b) cittadini italiani residenti all’estero (iscritti all’AIRE), che non rientrano nella categoria di cui al punto a). Si tratta di cittadini italiani non in possesso di un contratto di lavoro di diritto italiano. Alla prima categoria (lavoratori italiani distaccati all’estero e loro familiari) spetta l’erogazione dell’assistenza sanitaria da parte dell’Azienda Sanitaria locale di temporanea dimora, in quanto lavoratori obligatoriamente assicurati presso il Servizio Sanitario Nazionale. Il possesso di tale diritto deve essere attestato dall’Ufficio consolare competente per residenza. Qualora il lavoratore distaccato all’estero rientri in Italia per un periodo inferiore ai 30 giorni, avrá diritto a tutte le prestazioni sanitarie, ad accezione del medico di fiducia. Al suo posto potrá ricorrere al medico di medicina generale della ASL o allo stesso medico di fiducia.

I ministri del culto cattolico e i religiosi o religiose che esercitano il ministero all’estero, con rapporto di lavoro subordinato per il conto della Diocesi e che ricevono dall’Istituto Centrale per il Sostentamento del Clero una remunerazione, su cui vengono effettuate le ritenute fiscali e versati i contributi previdenziali, rientrano nella categoria dei lavoratori distaccati all’estero, di cui al punto a).

L’attestazione delle condizioni sopraindicate deve essere rilasciata dalla Diocesi di appartenenza.

Per la seconda della categoria (pensionati e lavoratori privati in genere, compresi i loro familiari) è prevista- in caso di rientro temporaneo in Italia- un’assistenza sanitaria limitata alle sole prestazioni ospedaliere urgenti, per un periodo massimo di 90 giorni ad anno solare.